lunedì 5 luglio 2010

Me la sciallo!

Fianalmente si riparla di knitting!
Mentre il Damson è agli sgoccioli (sempre che non faccia qualche altro casino), ho iniziato un altro scialletto.


Si tratta del Dandy Neckerchief , uno scaldacollo triangolare bordato a legaccio con un motivo a foglie, ripetibile a piacere.

 © Tricotage, action de tricoter

Avendo ancora due matasse di Cascade che avevo comprato l'anno scorso qui, ho deciso di usare questo tipo di lana, che adoro davvero. In realtà sono una nera ed una grigia, poi vedrò come mischiarle... per ora posso aggiungere che è divertentissimo, ho iniziato ieri notte alle due e trenta (giusto perché morivo di caldo mi sono messa  a maneggiare un po' di lana!) e mi sono fermata solo perché iniziava la parte dello schema e avevo bisogno di un po' di testa!



Giovedì io e lei andremo in trasferta lavorativa a Bordighera (la città che ci ha visto in vacanza insieme, ma separate da una rotonda quando eravamo piccine), e già che ci siamo ne approfitteremo per un bel bagno rigenerante, per una fettona di sardenaira (sbavo all'idea) e tutte le altre prelibatezze liguri...
Ben venga il lavoro vicino al mare!!!

15 commenti:

  1. Allora buon lavoro... Questo nuovo modello mi piace molto. Aspetto di vederlo finito. Col caldo che fa in queste notti non ti ci vorrà molto... Elena

    RispondiElimina
  2. il damson di quel colore è stupenderrrimo io ho trovato terribile la parte a legaccio non mi trovato il davanti e il dietro del lavoro (alla fine ho messo un marcamaglie) e sbalgiavo gli aumenti, facile e veloce la parte a ventagli molto bello il secondo sicalle vado a studiare così sciallo anche io ciaooo

    RispondiElimina
  3. Concordo che il colore del damson è stupenderrimo... peccato che se me lo metto io sembro con l'itterizia. Non vedo l'ora di vederlo finito!!!

    RispondiElimina
  4. Non so cosa sia la sardenaira, ma mi ispira...Bello lo scaldacollo che hai iniziato, spero proprio che lavorare la lana vicino al mare sia perlomeno più "rinfrescante" che in città.Ciao!

    RispondiElimina
  5. Non so cosa sia la sardenaira, ma mi ispira...Bello lo scaldacollo che hai iniziato, spero proprio che lavorare la lana vicino al mare sia perlomeno più "rinfrescante" che in città.Ciao!

    RispondiElimina
  6. ahahahha fa troppo caldo per dormire e giustamente una LqA prende in mano la lana!! sei grande!!!
    quel gomitolo verde mi piace da impazzire e lo scaldacollo deve essere una meraviglia!!!

    Io sono a genova e il tempo è perfetto per il bagno, buon divertimento!!

    bacioni eli

    RispondiElimina
  7. @Elena: In effetti anche ieri sera mi sono piazzata davanti alla finestra e ci ho dato dentro.. solo che ad un certo punto mi si chiudevano gli occhi!

    @Amelia: Effettivamente la parte legaccio diventa estenuante ad un certo punto. Ho ringraziato quando sono arrivata alla parte più divertente.. solo che i ritrorni a rovescio sono una palla estrema!!!

    @Tibi. Mi sa che neppure io, bianca come sono, starò un gran bene col verde.. ma il colore era troppo bello!!!

    @Ninfa: La sardenaira è una pizza senza mozzarella ma con acciughe e olive taggiasche tipica della riviera di ponente. E' una vera bontà! Lavorare la lana sul bagnasiuga è una di quelle esperienze che ti fa guardare male da qualsiasi persona attorno a te.. a meno di non trovare un'altra LQA!

    @abchobby: Sisi, non vedo l'ora di essere in spiaggia (anche se non potrò starci per più di tre ore!!)

    Baci a tutte!

    RispondiElimina
  8. bel colore hai scelto per il damson!!!già lo immagino nelle prime serate autunnali, che bel figurone farai!

    RispondiElimina
  9. Io non lo chiamo col suo nome di battesimo perchè non ci sono per niente in confidenza, ma questo lavoro mi piace un sacco! E che bel vordeacido, adoro!
    Brava Ciami, che non demordi nemmeno con questo simpatico caldo...
    Valeria

    RispondiElimina
  10. @Lilly! Bello eh? E la lana è una meraviglia!!!

    @Val! No che non demordo! E' catartico lavorare la lana a metà luglio con 30 gradi (40 percepiti a Milano, immagino anche da te!)
    Solitamente lavoro un po', poi prima di andare a dormire doccia bollente. Esco che ho un freddo tale che dormo come una bimba...
    ehm.. però non so quanto sia salutare.. forse è il caso di cedere a l'aria condizionata???

    RispondiElimina
  11. bello questo scaldacollo, mi piace il motivo a foglie...me lo salvo, non si sa mai! (tra qualche anno mi ritroverò centinaia di schemi salvati e nemmeno uno realizzato, già lo so!^_^)
    :)buona giornata
    barbara

    RispondiElimina
  12. ma sei proprio coraggiosa! :O

    RispondiElimina
  13. Ho ricominciato a "knittare" e "uncinettare" dopo un bel pò di tempo. Sto cercando di ricordare tutto quello che sapevo e di imparare cose nuove dovute anche agli accessori nuovi. Potresti dirmi che tipo di ferri circolari hai usato e se lo stesso lavoro si può fare anche con i ferri diritti?
    PS: mi sa che diventerò anche io una lanista anonima.
    Chicca

    RispondiElimina
  14. @Chicca: Benvenuta (anzi bentornata!) nel club!! ;)

    Ho usato i knitpro: cavo da 60 e punte 5

    Lo stesso lavoro penso tu lo possa fare tranquillamente anche coi ferri dritti, non è circolare è solo un avanti e indietro... solo che alla fine ti troverai con un bel po' di punti!! :)

    RispondiElimina
  15. Ti ringrazio per la risposta, penso che avrò proprio voglia di provare a fare qualche cosa con quel tipo di ferri, credo siano molto comodi. Ti faccio molti complimenti per i tuoi lavori e anche per il tuo blog! grazie perchè è molto utile.
    Ciao Chicca

    RispondiElimina