Visualizzazione post con etichetta lqa. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta lqa. Mostra tutti i post

mercoledì 9 luglio 2014

Design da LQA

Certo, questo non è un blog di design (ultimamente direi nemmeno di maglia).
Ma io per quanto mi possa nascondere dietro un paio di ferri resto comunque e sempre un'architetto, nel bene e nel male. E in quanto tale la mattina navigo in rete, guardo riviste, sfoglio cataloghi, mi faccio venire idee.
Alcune volte mi imbatto in idee lanistiche o presunte tali e penso che dietro a tutto ci sarà stato un unicnetto. Magari ben nascosto, magari visto su una metropolitana la mattina, magari ricordo di serate con nonna. Non ne sono sicura ovviamente. Mi piace pensarla così.
 
Ditta Darono 
Serie Trap
(lampada, pouff e portavaso sospeso, visibile sul sito).



Happy knitting!
ciami



martedì 4 febbraio 2014

My favourite things


La mia cosa preferita sono: i cani, i gomitoli, il gelato, l'architettura, le nuvole, i palloncini, gli zaini, gli amici, i viaggi, l'amore, le ghiande, le poltrone, le teiere, il natale, il sole, la birra, i dolci, i concerti, le montagne..

Quando ho visto questo pattern, grazie ad una lanista su Ravelry, mi si è aperto un mondo. Perché io ho un milione di gomitolini non usati e sto ancora cercando di imparare a lavorare con più colori (ok, insieme ad un milione di altre cose, certo. Voi mi conoscete troppo bene!)
E il bello è che questo non è  uno schema, ma una ricetta per confezionarsi la propria sciarpa "la mia cosa preferita" facendo tanti mini schemi di ciò che amate.

Queue +1 :)

--

'My Favourite Things' Infinity Scarf
by Jill McGee







Altri esempi per usare avanzi di lana?
Li trovate qui:
A knitting bear
Tzugumi


lunedì 3 febbraio 2014

Ravellenic games 2014

Anche quest'anno in concomitanza con le olimpiadi invernali di Sochi 2014, le Laniste Quasi Anonime parteciperanno ai Ravellenic Games.
Come già nel 2014 il team sarà rappresentato dalla sempre indomita Sappi, mascotte del TeamLqA, immortalata nel nuovo fighissimo logo creato da Daniele Brivio (grazie!)

Come sempre il cast-on coinciderà con la cerimonia di apertura dei giochi a Sochi (20:00 Moscow Time Zone, UTC+4:00). Per trovare il vostro orario di cast-on potete aiutarvi con questo world time difference calculator.

Per ogni progetto iniziato e finito durante le olimpiadi verrà assegnata una medaglia (un badge da poter utilizzare nel blog o nelle pagine dei progetti).
Gli eventi a cui partecipare (tradotti dal nostro capitano ziaVirgi, li trovate qui)

Unica vera unica regola: Divertiti e sfida te stessa!
Siete dei nostri? Se sì, il team LqA lo incontrate qui.
 

lunedì 27 gennaio 2014

Li faccio a strisce #10

Stamattina, appena sveglia, ho guardato quanto steso ieri sera e mi sono accorta di avere un serio problema.
Avevo lì appeso una buona parte delle mie calze di tutti i giorni (e questo potrebbe potenzialmente essere un problema).
Ed erano tutte a strisce. Come a strisce erano quelle in attesa da stirare e quelle he ho attualmente addosso.(e questo più che un problema potrebbe sembrare un'ossessione).

Ed ho capito che il tunnel delle strisce è ancora molto lungo e non accenna a finire ed io ho solo due soluzioni.

A) Uscirne il più infretta possibile correndo senza guardarmi attorno (leggi pattern tinta unita);
B) Arredarlo per renderlo più confortevole;

Ora, dato che sapete più o meno tutti che lavoro faccio, non penso ci sia bisogno di indicarvi quale delle due soluzioni percorrerò.
(considerate però che la mia queue è aumentata di +2)

Vasa
by Dianna Walla

 
 





BlueSand Cardigan
by La Maison Rililie




Cogliendo l'occasione vorrei ringraziare la mia amica petulante che mi fa pensare a pattern a strisce anche quando non ne avrei la necessità :)

Happy knitting
Ciami

venerdì 17 gennaio 2014

The travelling knitter

Adoro viaggiare (ma chi non adora viaggiare?)
Se fossi nata milionaria probabilmente non avrei nemmeno una residenza (o più probabilmente ne avrei duecentomila) e starei sempre in giro.
Però non sono nata milionaria e per ora non ho nemmeno speranze di arrivarci a questo fantomatico milione (ma chi poi ha bisogno di un milione quando c'è Ryanair?) quindi mi accontento di viaggiare ogni tanto. E dato che ultimamente accade spesso, sono la persona più felice del mondo. :)

Partire mi piace sempre tantissimo. Adoro la preparazione pre-partenza, fare la valigia più piccola possibile per non avere troppo peso, preparare le visite da fare, andare su google maps ed iniziare ad entrare nell'atmosfera, leggere di dove andrò e trovare quei luoghi.
E ovviamente spulciare knitmap per cercare lana (ma che ve lo dico a fare!)

Prima tappa: Torino, dove sono andata per una toccata e fuga per vedere la mostra di Renoir (avete tempo fino al 23 febbraio, in caso siate nei dintorni) e fare un giro nella città più francese che ci sia in Italia.
A Torino tutte conosciamo WoolCrossing (che abbiamo visitato l'anno scorso e di cui ho dei bellissimi ricordi di un bel pranzo con Mici, Petula, Emma Fassio, Azuka e Federica), quindi non starò a scrivervene ulteriormente.
Però vi lascio alcune foto fatte qua e là per la città a dimostrazione che Torino è una città che knitta!




Seconda tappa: Martina Franca
Martina Franca per me vuol dire buon cibo, posti stupendi, bocconotti, caffè Tripoli, carne al fornello, dolci, relax. Ma vuol dire soprattutto Tzugumi e Simone (si, certo. Vuol dire anche sbirro :)).
E questo basta. Inutile dirvi che abbiamo chiacchierato, passeggiato, mangiato e sferruzzato tantissimo.
E che due giorni sono sempre troppo pochi!

Terza tappa: Zurigo


Del mio viaggio a Zurigo potrei scrivere per ore (ma mi voglio bene), quindi mi limiterò a aggiornarvi sui negozi di lana che ho visitato, dicendovi, se avrete la possibilità, di non poerdervela e di farvi un giro che ne vale assolutamente la pena e di cose da vedere ce ne sono veramente tante.
Il primo visitato (vicino all'albergo) è stato AnnaLana.
Un negozietto piccolo ma invitante e molto luminoso. La parete a sinistra è letteralmente piena di lana (che si può toccare e spalpuzzare a piacimento), nella parete di destra tantissimi bottoni esposti. Se li amate questo potrebbe essere il vostro posto.
La ragazza che mi ha servito è stata davvero gentile. 


Il secondo negozietto è Hand-Art  nella cui vetrina spiccava questa natività fatta a maglia

Qui non ho comprato nulla (non so cosa mi fosse preso? Forse una botta in testa?). Ma su knit-map un commento afferma ci sia tanta lana per calzette svizzera. Se ci capitate fatemi sapere.


E ora: organizzazione prossimo viaggio :)
nel frattempo, sferruzzo.
(ah! giuro che ogni tanto lavoro pure eh..)

Happy knitting
Ciami

mercoledì 28 agosto 2013

Back to school

Eh sì, le vacanze purtroppo stanno voltendo al termine (perlomeno per la maggior parte degli italiani) e le laniste non fanno eccezione.
Si impachettano costumi e infradito, si ritorna a mettere l'orologio. Si preparano gli zaini dei piccoli di casa, si torna al lavoro, a scuola, alle normali mansioni.

Tristi? No, le laniste non si fanno mai prendere dalla tristezza.
Perché se settembre è il mese del rientro (e metaforicamente anche quello con cui inizia veramente l'anno), è anche il mese dell'inizio dei climi più freddi, delle sferruzzare in compagnia di una tazza di te, della lana. E quindi noi (come sempre) festeggiamo!

Con un KAL, ovviamente, tutto dedicato alla ripresa.
Dato che le laniste sono sparse in tutta europa ci siamo date appuntamento virtuale per iniziare un progetto da rientro tutte insieme.


Ecco le regole di base:
Si inizia domenica 1 settembre 2013 dalle ore 10.00 (della mattina!)
Non ci sono date di scadenza, perché per noi la maglia è puro relax!

E' già possibile scegliere lo schema e iniziare con i campioni.

Unica regola: realizzare un accessorio per il proprio personale "back to school".

Quindi per il ritorno al lavoro, per il ritorno all'asilo o alla scuola dei bimbi o semplicemente, per il ritorno alla solita routine.  Qualcosa che ci ricordi che nella nostra vita c'è sempre tempo per un paio di punti ai ferri.

Non ci sono schemi da seguire, scegliete quello che più vi aggrada.
Chiacchiera libera.

Per seguire il Kal su twitter/instagram/facebook:
Hashtag #LQA #Kal_School

Per seguire il Kal su Ravelry: Gruppo LQA

Per seguire il KAL su Facebook:
gruppo: la sindrome LqA e a questo evento. 

 
Cercate lo schema, trovate i gomitoli, scaldate i ferri.. si parte!




martedì 11 giugno 2013

Post di scuse e foto orribili :)

Sui miei ferri in questo momento c'è poco. O meglio, c'è troppo.
Nel senso che gli wip non mancano, ma non ho un progetto iniziato e finito nel duemilatredici. Non riesco a concretizzare. Non sono mai soddisfatta, disfo e rifaccio. E poi ancora ridisfo.
Lo sapete, la sindrome di Penelope è radicata in una Lqa. e più si va avanti, più si acquisisce esperienza, meno ci si accontenta di ciò che si lavora. E allora quel punto sbagliato, sferruzzato tre righe fa mentre dormivate già sul divano, tre anni fa sarebbe passato, ma oggi è da riprendere. Però bisogna aspettare il momento di concentrazione giusto, prima di fare il super-danno (che a me è tanto congeniale).

Qualche scusa insomma, per dirvi come mai non si parla più di tanto di sferruzzamenti qui.

Però qualcosa, nonostante tutto, la sto facendo.
Sto finalmente per finire un maglione iniziato due (sisi, avete letto bene, due) anni fa. Trattasi di Featherwight cardigan di  Hannah Fettig in lino.
Lo sto lavorando con dei ferri un pochino più grandi di quanto consigliato e mi sta venendo un bel cardigan scivolato e adatto alle sere estive che (finalmente) sono arrivate!



In questa orribile foto fatta col cellulare potete vedere a che punto sono arrivata. Mi manca solo una mezza manica (e un mezzo gomitolo) e avrò finito.

Inoltre, grazie ad una matassa regalatami dalla mia buona amica petula (una Term di Quince and co. dal colore bellissimo a cui purtroppo la foto col cellulare non rende giustizia) ho messo su un  Flying Home di  Kat Coyle.
 
Ho sferruzzato solo qualche giro, ma per ora mi sembra il progetto scacciapensieri adatto alla situazione. Tanto lavoro e tanta voglia di staccare la testa tra una giornata e l'altra. Pochi conti da sbagliare e uno schema ripetitivo ma non noioso. Da provare!
 


Nel frattempo ci sono stati ben due knit cafè lariani a cui a malincuore non sono riuscita a partecipare (il primo è stato divertentissimo e molto piacevole) e un wwkipd che ancora non ho festeggiato a dovere. Questa settimana urge rimediare. Domani devo andare a fare un giro tra beghe amministrative varie. Conviene che sferruzzi in metropolitana :D

Buona serata!
Ciami

giovedì 30 maggio 2013

sabato 18 maggio 2013

Ritornare ad essere una knitter

Ho passato più di un mese a correre dietro a tutto. A lavorare come una pazza ed arrivare la sera in tempo solo per andare a dormire e riniziare il giorno dopo.
E ora ho davvero voglia di scalare marcia.

Il primo passo è ricordarmi chi sono e ritornare ad essere una knitter.

Ricordarmi quella sensazione di gioia quando si inizia un nuovo scialle, di quando si chiacchiera con le amiche di lana e filati, di quanto è bello sferruzzare nel silenzio, non pensando a nulla, se non a quanti dritti mancano per arrivare al prossimo gettato.

A volte si sognano vacanze meravigliose e inaccessibili e desideri troppo lontani da raggiungere. E invece la felicità stava proprio lì a portata di mano.

Sotto la scrivania, nella scatola dei gomitoli.

E' bello, anche solo per qualche ora, avere il solo problema di scegliere quale schema iniziare.

Buon week end sferruzzante. Qualsiasi problema abbiate non dimenticate mai che sferruzzare anche solo per un quarto d'ora al dì è il diritto di ogni lanista quasi anonima

mercoledì 17 aprile 2013

I problemi della knitter #1

L'organizzazione dello stash.
Trovare nuovi modi per giustificare tutta quella lana in casa. :)


domenica 7 aprile 2013

Due giri di crochet prima di andare a dormire.

Oggi pomeriggio grazie alla mia petulante compagna di sferruzzo, te e camminate (e all'istigazione telefonica della mia sorellonza), ho imparato a tenere in mano un uncinetto e a fare (male) due punti (oltre all'indispensabile catenella)

Catenella
 

single crochet stitch


half double crochet stitch

Mi sembra di essere tornata a quel lontano agosto duemilaotto quando feci il mio primo storto imparaticcio ai ferri. Quando ero così concentrata a cercare di non perdere nulla per strada che passavano ore in un momento. Ne sono rimasta tanto conquistata da fare due righe prima di andare a dormire. E mi son passati un po' tutti i pensieri che mi giravano in testa fino a quel momento.
E ora vado a dormire rilassata e felice.

Me lo prescrivo al bisogno (prescrivetevelo anche voi!).

Due giri di crochet prima di andare a dormire.
Effetti collaterali: Preoccupante peggioramento della sindrome LqA.

martedì 12 marzo 2013

me la sciallo

Lo sapete, da tempo remoto sono una sciallista quasi anonima. Dal mio primo Damson, che ricorderò sempre con l'affetto della mamma con il famoso scarrafone (non penso di aver mai fatto tanti errori in uno schema ma è ancora lì, in peritura memoria), non ho mai perso il vizio.

E quando posso ne metto sui ferri uno, sia mai che si resti senza scialli sui cavi!
Stasera nella nella mia (infinita ma organizzata) queue (che potete visitare cliccando qui) ci è finitoThorn.
Lo trovo meraviglioso, materico al punto giusto, elegante ma non troppo.  E penso sia anche molto divertente da sferruzzare. Voi che ne dite?




© Brooklyn Tweed/Jared Flood


Non vedo l'ora che arrivi sabato per tuffarmi nello stash in cerca del filato perfetto (ovvio, destash. Non posso comprare altra lana, la mia banca ha detto basta!). Ho già in mente un paio di alternative... 

Programmi per il week end? Sì, passeggiare tanto con Silver e nel resto del tempo chiudermi in casa a leggere e sferruzzare. Anche contemporaneamente. Fino a domenica 17 marzo quando, nel pomeriggio, insieme a Horujo e Gomitolo Rosa sarò con Unite contro il cancro a: "fa la cosa giusta!"


Thorn
by Bristol Ivy




domenica 10 marzo 2013

Li faccio a strisce #9

Una passeggiata di sei chilometri con quattrozampe e fratello nel primo giorno caldo dell'anno, una doccia corroborante, un bel libro mentre la pasta per la pizza di stasera sta lievitando.
Un po' di pattern da mettere in queue (quella altro che sei chilometri!), scrivere un post sul blog mentre dalla finestra entra un bel sole.

Innamorarsi (tanto per cambiare) di un pattern free (a strisce ovviamente!)  :)

Evviva la domenica!



Mon petit gilet rayé
by Isabelle Milleret



 

© machamaya

© machamaya


venerdì 22 febbraio 2013

Li faccio a strisce #8

Ancora strisce? Forse (no dico, forse) comincio ad avere un problema serio.

Westloop 3
foto westknits

però che dire.. avanti così Stephen! (p.s. in queue!)


Westloop 
by Stephen West 
 
 

giovedì 21 febbraio 2013

Li faccio a strisce #7

Sapete tutti quegli avanzi di lana che avete nel cassetto? Quelli che continuate ad accumulare sperando poi di arrivare ad averne abbastanza per una coperta granny all'uncinetto che non inizierete mai. Avete presente?

Bene, è arrivato il loro momento con  Simple Sprinkle, un fantastico collo creato da Veera Välimäki, che viene knittato proprio con degli avanzi di lana dei colori che preferite (che poi nulla vi vieta di usare della lana comprata apposta e mettere gli avanzi che sicuramente avrete nel cestone degli avanzi per la vostra coperta granny square che..., ok la smetto!)

Veera, lo sapete, la considero una designer geniale e questo collo caldo e avvolgente, perfetto per questo freddissimo febbraio, è l'ideale. Andando sui progetti di Ravelry ne troverete di tantissime colorazioni, conviene davvero fare un giro a guardare perché alcuni accostamenti, sulla carta improbabili, sono davvero geniali!


Simple Sprinkle
by Veera Välimäki






foto Lete's knits

E, come se non bastasse, è a strisce :)

sabato 9 febbraio 2013

Li faccio a strisce #6

Oggi mi sono in battuta (tramite il blog di fridica) su questo knitting magazine online che non conoscevo: Amirisu. La collezione di schemi per la primavera/estate l'ho trovata splendida e vi invito a fare un salto a vederla: ne vale davvero la pena.

Il mio schema preferito, in questo momento?

Teardrop
by Tokuko Ochiai


 foto by amirisu


 foto by amirisu

Lo trovo un maglioncino primaverile perfetto, adoro il dettaglio della chiusura sul retro, il bordo, le maniche a tre quarti e ovviamente, le strisce :) In queue!


venerdì 14 dicembre 2012

Knitters pronte per l'apoKALisse

Alle Knitters la profezia Maya fa un baffo.
Le knitters hanno paura solo di una cosa. L'invasione delle tarme della lana.
God save our stash!

Sabato 22 dicembre 2012, non appena sapremo che i nostri knitpro e la nostra amata lana saranno salvi nel loro armadio (ok, nei loro armadi) ci sarà un super cast-on collettivo per festeggiare lo scampato pericolo!
(si, certo. E' solo un'altra scusa per mettere sui ferri qualcos'altro!)

Se avete voglia di festeggiare con noi le indicazioni sono semplicissime.
  • Fare il cast-on il giorno: 22 dicembre 2012. Appena scampato il pericolo Maya, o quando avete tempo.
  • Usare un filato già presente nel vostro stash (d'ora in poi chiamato: il sopravvissuto).

Tag per Ravelry e blog e chi più ne ha più ne metta (in modo da trovarci sempre tutte e vedere che combiniamo):  ApoKALisse, LqA

Hashtag per Twitter:  #apoKALisse #LqA

Ovviamente l'invito è aperto a tutti ma proprio tutti.
Che fate? Siete dei nostri? :)

facebook
Ravlery





mercoledì 21 novembre 2012

di guantini, lana e storie d'amore

 ovvero:
"L'innamorazio non è razio. Eh no. Per un Cazio." seconda parte.

Quando aprii questo blog, nell'agosto del 2009, la mia vita stava cambiando e ancora non sapevo quanto.
Era in un pomeriggio afoso, ero in vacanza da lavoro e sferruzzavo in cortile senza arte né parte un imparaticcio mostruoso e pieno di buchi. Mi divertii moltissimo e decisi di mettere tutto nero su bianco nell'etere in quello che fu, ed è tuttora, il mio primo esperimento di blog.
Da quel giorno iniziò la mia vita di knitter (un po' come quando Harry Potter entra ad Hogwarts... addio babbanitudine!) e i miei orizzonti cambiarono totalmente. Fu grazie a quell'afoso pomeriggio che si creò la Sindrome LQA, che incontrai tante amiche meravigliose e che venne posto il primo punto rosa a unite contro il cancro.

Ma soprattutto, questo blog, la lana e il suo primo commento mi permisero di prendere un treno per arrivare dalla mia sorellonza, colei che mi prese per mano e mi spiegò cos'era Ravelry, che mi indicò l'esistenza dei ferri circolari, ma che soprattutto mi spiegò come dovevo usarli, scrivendo il mitico schema dei guantini senza dita che si innamorano. :)


A due anni di distanza il mitico schema rivive sulle pagine di pianetadonna con una versione per chi ha l'"avversione" ai circolari... E io sono così orgogliosa.

E quindi Forza donne che non sapete fare il magic loop. Forza lavoratrici che vi si gelano i ditini mentre usate il mouse in ufficio, forza donne che volete essere alla moda con qualcosa di fatto da voi, ma che non sapete come sferruzzare in circolare, i guantini che si lavorano con i ferri dritti, sono fatti apposta per voi!  .

Se avete dei presenti per la designer, fatemeli avere. Tra poco più di una settimana sarò da lei. :)


p.s. la versione senza cuciture la trovate qui

Easy fingerless gloves 

by Giuseppina Flamini

venerdì 26 ottobre 2012

Come un asino.

Passi costanti e instancabili, sguardo fisso  avanti e se mi date un paio di lane bellissime sto davanti allo stash per delle ore a cercare di decidere cosa usare. Sono proprio un asino. :)

Il sabato mattina, mi sveglio alle sei. Preparo un té bollente, leggo un libro e mi rilasso finalmente sola, per l'unica volta della settimana. Sola e felice del silenzio, della pace. Poi mi lavo, mi infilo la tuta e esco. In questo periodo esco al buio, una buona musica nelle orecchie, un discreto freddino e inizio a camminare. Incontro la mia buona amica e camminiamo insieme. Chiacchieriamo e camminiamo per nove chilometri, più o meno. Il mio week end inizia sempre così. La tradizione è ormai più che annuale.

Il venerdì sera, quando non esco, lo dedico alle mie attività preferite. In particolare questa sera ho fatto un triplo carpiato nello stash (in una parte dello stash in realtà) per scegliere il filato per la caccia al tesoro di Unite Contro il Cancro .


Il primo indizio è scegliere un filato e fare un campione. Uhmmmm, fare il campione non sarà un grande problema, il problema è decidere quale lana.
Il fatto che la rispondenza del campione non sia cruciale non mi aiuta nella decisione.
Una manos lace verde bottiglia stupenda che mi aspetta da tanto tempo? Una lana che mi portò la mia amica dal giappone? O quella che mi regalarono come souvenir dall'Inghilterra? Nella foto non si vede ma ho anche una preziosissima wollmeise color oro. Oppure vado con la lana di Aogi che ho preso a Creattiva?

Riuscirò a prendere una decisione entro stasera? O finirò a far campioni di tutte le lane per poi non sapere comunque cosa scegliere?
A volte non sarebbe meglio avere solo un gomitolo?
No. Cancellate l'ultima domanda. Assolutamente meglio avere di che scegliere.
:)

Buon week end!
Ciami